lunedì 19 marzo 2012

Scandalo negli abissi, di L.F. Céline


Una prima lettura notturna, tutta d'un fiato, di questo libretto mi aveva lasciata interdetta. Non dico insoddisfatta, tuttavia incerta, non particolarmente esaltata. Nettuno e Venere, litigi coniugali, il mare in tempesta, pesci ovunque. Mah.. 
Poi al mattino faccio colazione e mi ritrovo il libricino proprio sotto gli occhi. Lo riapro, riguardo le illustrazioni di Tadini e le immagini riaffiorano alla mente ancora così fresche. 
Un libro squisitamente umano sui limiti dell'uomo.

Milioni di artisti da tempo immemore tentano di afferrare per un istante la squisita bellezza celestiale di Venere, dea dell'amore. E invece Céline la ridipinge come una donna qualunque, per di più malamente sfiorita. Se l'autore non dichiarasse che è il 1500° anniversario del suo matrimonio con Nettuno forse non ci accorgeremmo nemmeno che si sta parlando ancora di una dea, creatura immortale, tutta presa com'è dal tentativo di sfuggire al tempo con cremine e cotolette di razze per la carnagione e bagni nel latte di balena e..povera Venere! Convinta di guadagnarsi stima e ammirazione, mentre Nettuno ormai distante tenta di sentirsi ancora giovane e potente circondandosi di giovani sirenette. Del resto, chi può recriminarlo con una moglie del genere? E Venere ancora più astiosa e vendicativa. 
E il misero Nettuno, accondiscendente nei confronti del crudele uomo anche quando stermina i suoi sudditi. Malinconico di fronte ad un corteo di madri foche con i loro piccoli a brandelli ma senza comunque avere la fermezza di opporsi. Una reazione l'avrà, ma solo quando lo toccheranno veramente sul vivo. Per la piccola Pryntyl perderà anche l'orgoglio personale, per poi ritrovare la sua furia di dio del mare e vendicarsi delle nefandezze degli uomini; queste bestie di terra che erano riusciti a corrompere persino la fresca bellezza e l'innocenza della sua Pryntyl.. 
Tutti i vizi e le debolezze dell'essere umano sfilano sotto i tuoi occhi mentre leggi, tra le righe di quest'opera. 
Ho completamente cambiato idea: un libro tutt'altro che scontato.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001